le Officine UNESCO - Il Sistema della Carta


Le Officine UNESCO – Il Sistema della Carta

Il cammino di Fabriano Città Creativa UNESCO ha avuto inizio con le Officine UNESCO, due corsi di formazione gratuiti per operatori e imprenditori della carta, rivolti a 40 giovani disoccupati di età inferiore ai 35 anni. All’interno delle due classi, anche 12 studenti stranieri. 

I corsi sono stati una iniziativa congiunta della Fondazione Aristide Merloni, della Commissione Nazionale Italiana dell'UNESCO, e dell’ISTAO, istituto di alta formazione fondato dall’economista Giorgio Fuà.

nuova linfa per la carta a mano di Fabriano

l'obiettivo dei corsi era quello di favorire il ricambio generazionale e lo sviluppo del settore della carta a mano, fattore identitario cruciale per la Città di Fabriano: il nome “Officina” designava una formazione pratica e trasversale che univa un’esperienza concreta di produzione in azienda a nozioni scientifiche, economiche, comunicative e culturali. Il percorso della prima Officina “Fare impresa con la carta” era dedicato alla formazione di imprenditori creativi nel settore cartario. Al termine delle attività formative era garantito un sostegno diretto all’avvio delle attività d'impresa per i business plan più promettenti, grazie al contributo di Fondazione Marche. 

Il secondo percorso, “Carta come strumento di lavoro creativo”, puntava invece alla formazione di manager creativi ed operatori culturali nel settore cartario, indirizzato a fornire alle industrie cartarie nuove professionalità per favorirne la crescita e la contaminazione con altri settori produttivi.


Il Sistema della Carta

La formazione ha fatto si che la carta di Fabriano fosse in grado di abbracciare ambiti di impiego anche molto differenti tra loro: come prodotto da utilizzare o trasformare; come veicolo di informazioni da trasferire; come supporto di saperi e culture da preservare sviluppando ipotesi di evoluzione futura, fino all’eventuale superamento del suo ruolo tradizionale verso nuove forme, tecnologie e applicazioni.

Le Officine hanno abbracciato 4 mesi di lezioni d’aula e 4 mesi di stage in azienda: dal percorso sono nate tre startup d’impresa culturale, ad opera dei corsisti Melania Tozzi, Lorenzo Santoni e Cristina Lenzo.