Istocarta open days 2018 e l'era del segno


 

Istocarta - Istituto di Storia della Carta "Gianfranco Fedrigoni" - rinnova la propria partecipazione alla Settimana della Cultura d’Impresa XVII edizione come opportunità per valorizzare la storia della carta e del Made in Italy, insieme alla cultura cartaria della città di Fabriano con oltre 750 anni di tradizione.

In linea con il tema della manifestazione - La cultura industriale: il ponte tra economia e crescita sociale al centro dell’identità europea - promossa da Confindustria ed in collaborazione con Museimpresa, Istocarta presenta l’apertura straordinaria alle visite dell’Archivio delle Cartiere Miliani Fabriano con Istocarta Open Days e il IV volume della collana L’Era del segno.

 

 

Per l’occasione, dal 9 al 23 novembre 2018, verranno aperte le porte dell’Archivio delle Cartiere Miliani Fabriano, riferimento solitamente per studiosi e ricercatori, offrendo a tutti la possibilità di vedere e conoscere un patrimonio straordinario, testimonianza della cultura industriale cartaria fabrianese e dell’identità del territorio.

Fra i tesori raccolti nell’Archivio ricordiamo la collezione di oltre 1.500 esemplari di filigrane riunite dal 1782 a oggi, la fototeca con più di 1.200 immagini storiche, testimonianza del patrimonio archeologico industriale, architettonico e paesaggistico della cultura cartaria dal 1871 e la biblioteca con oltre 3.000 volumi dedicati alla storia della carta, insieme a forme per carta a mano, tele e punzoni commissionate da istituti bancari nazionali e Internazionali e da aziende storiche del made in Italy, tra cui: FIAT, Liquore Strega, Fernet Branca e Stabilimento Ricordi. Dal 2016 fa parte dell’Archivio anche la collezione delle 2.213 “carte antiche fabrianesi″, datate dal 1267 al 1798 e raccolte dal filigranologo Augusto Zonghi che compone, insieme alle filigrane già presenti, il Corpus Chartarum Fabriano (CCF). Un tesoro di inestimabile valore, riferimento internazionale per la ricerca e gli studi di storia della carta e della filigranologia.

 

 

Inoltre venerdì 16 novembre alle ore 17, presso l’Oratorio della Carità, verrà presentato il volume “Augusto Zonghi matematico-umanista. Le carte antiche fabrianesi nell’era del segno” di Giancarlo Castagnari. L’identità di un territorio attraverso lo studio delle 2.213 carte raccolte dal filigranologo Augusto Zonghi, testimonianze tangibili dell’economia e della crescita della cultura industriale cartaria ante litteram fabrianese, e dei relativi “segni”, tracce del “saper fare” e della tradizione plurisecolare che ha reso Fabriano “la città della carta”, sinonimo di qualità in tutto il mondo sin dal XIII secolo.