Festival Estivo di Soft Economy 2018


"Sfidare paure, solitudini e diseguaglianze per costruire il futuro": sono questi gli intenti con cui si è tenuto a Treia (Mc) il Festival della Soft Economy promossa dalla Fondazione Symbola in collaborazione con le Università di Macerata, Camerino e la Politecnica delle Marche. 

 

 

La Fondazione Symbola nasce nel 2005 per promuovere un modello di sviluppo orientato alla qualità in cui tradizioni e territori sposano innovazione, ricerca, cultura e design. Ad oggi, con i suoi oltre cento soci, è divenuta un movimento culturale con la piena volontà di indirizzare lo sviluppo del Paese, indicando la via per uscire dalla crisi e affermarsi nel mondo. 

 

 

Quest'anno al centro dell'attenzione dei partecipanti al Festival troviamo un'economia maggiormente responsabile nei confronti della società e del futuro, e sempre più orientata alla sostenibilità, per offrire all'Italia uno scenario favorevole grazie anche alla nostra antica vocazione ne produrre valore e bellezza a partire dai territori e dalle comunità. 

 

 

 

Le imprese che scommettono sulla qualità, che incrociano saperi tradizionali con innovazione e creatività e che sono protagoniste della green economy ci dimostrano che è possibile sfidare paure, solitudini e diseguaglianze. Inoltre produrre "bene" ricchezza è condizione perché anche la sua distribuzione sia più equa, come ci insegna quell'economia civile alla quale oggi si torna a guardare e che proprio in Italia ha le sue radici. 

 

 

Tutto questo però non è sufficiente ad evitare che persone e territori si sentano spinti ai margini della società. C'è bisogno di una passione condivisa, di una missione in grado di risvegliare l'orgoglio e il protagonismo delle comunità, capace di unificare il Paese e di renderlo più sicuro e consapevole della sua identità e delle sue opportunità.